Paramhansa Yogananda

image

Paramahansa Yogananda nacque con il nome di Mukunda Lal Gosh a Gorakhpur, nel nord dell'India, vicino alle montagne himalayane, il 5 Gennaio 1893, in una famiglia Bengali di otto figli, devota ed agiata. Battezzato da Lahiri Mahasaya quando aveva circa un anno, crescendo il giovane Mukunda andò spesso a visitare santi e maestri, imparando da loro la scienza segreta dello Yoga e traendo grande ispirazione per continuare sul sentiero spirituale. Nel 1910, all'età di 17 anni divenne discepolo di Swami Yukteswar Giri (a sua volta discepolo di Lahiri Mahasaya). Nell'eremitaggio di questo grande maestro passò la maggior parte dei successivi dieci anni della sua vita. Paramhansa Yogananda è stato il primo grande maestro indiano che ha trascorso la maggior parte della sua vita in Occidente. Il suo amore, la profondità e l'universalità dei suoi insegnamenti hanno ispirato milioni di persone. Dopo essersi laureato nel 1915 all'Università di Calcutta, entrò nell'ordine monastico degli Swami ricevendo il nome di Swami Yogananda (che significa beatitudine, ananda, per mezzo dell'unione divina, yoga).
Nel 1920 si recò negli Stati Uniti come delegato per l'India al Congresso internazionale di leaders religiosi a Boston. Nello stesso anno fondò la Self-Realization Fellowship allo scopo di diffondere nel mondo intero, secondo le ispirazioni ricevute dal suo guru e dal grande yogi e santo himalayano Babaji, la millenaria scienza e filosofia dell'India e la sua antica tradizione della meditazione (Kriya Yoga). Nel 1924 iniziò un tour continentale.
Nel 1935 inizò un tour di 18 mesi nell'Europa e in India nel corso del quale ebbe modo di incontrare diverse importanti personalità, come il Mahatma Gandhi (che chiese di essere iniziato alla tecnica del Kriya Yoga). Fra gli altri, incontrò Ramana Maharishi e Anandamoyi Ma.
Alla fine degli anni trenta Paramahansaji cominciò ad abbandonare gradualmente la sua attività di conferenziere. "Non mi interessano le folle, ma le anime che vogliono conoscere Dio seriamente". In seguito concentrò i suoi sforzi sulle conferenze e sulle lezioni che conduceva per gli studenti profondamente interessati alla ricerca di Dio.
Il 7 marzo 1952 Paramahansa Yogananda era stato invitato a parlare al banchetto dato in onore dell'ambasciatore indiano B.R. Sen.

"Sembra ci sia sempre abbondanza di denaro per la guerra, che risveglia grandi sofferenze. Non abbiamo imparato molto da quest'ultima. Potremmo però tentare la possibilità, che tutti i più grandi capi e tutta la gente insieme, raccolgano un vasto fondo per bandire la povertà e l'ignoranza dalla faccia della terra. Io lo spero! E prego affinché si inviino aeroplani carichi di misericordia da un paese all’altro, piuttosto che aerei carichi di bombe che distruggono. Lavoriamo per la pace sulla terra come mai è stato fatto finora! Chiediamo un congresso di scienziati, ambasciatori e uomini religiosi, i quali pensino costantemente come far diventare questo mondo una casa migliore, una casa spirituale con Dio a nostra Guida."

Nello stesso giorno, poco dopo aver pronunciato il suo discorso, Paramahansa Yogananda entrò in mahasamadhi, cioè lasciò il corpo, l'uscita cosciente dal corpo fisico dello yogi evoluto.
Alcune settimane dopo, gli ufficiali del cimitero di Forest Lawn mandarono alla Self Realization Fellowship una lettera legalizzata che affermava che il corpo di Paramansaji non mostrava alcun segno di decomposizione, anche se erano trascorse parecchie settimane dalla morte; in seguito il corpo fu posto in una cripta.
Il messaggio principale di Yogananda e che essenza intima di ogni religione è la stessa: la via all'unione con l'Infinito, conosciuta come "realizzazione del Sé". Yogananda l'ha definita come:

"Il comprendere con tutte le parti del corpo, della mente e dell'anima, che sei già in possesso del regno di Dio; che non devi più pregare che venga a te; che l'onnipresenza di Dio è la tua onnipresenza; e che ciò che devi fare è migliorare la tua conoscenza".

In ricorrenza del 25º anniversario del suo Mahasamadhi, il Governo Indiano emise un francobollo commemorativo in suo onore, rendendo omaggio al Maestro con queste parole:
"L’ideale dell’amore per Dio e del servizio all’umanità, trova la massima espressione nella vita di Paramahansa Yogananda ... Sebbene abbia trascorso la maggior parte della vita lontano dall’India, egli, tuttavia, ha il suo posto fra i nostri grandi santi. La sua opera continua a crescere e a risplendere sempre più luminosa, attirando da ogni dove gli esseri umani sul sentiero del pellegrinaggio dello Spirito."
La vita e gli insegnamenti di Paramahansa Yogananda sono descritti nel suo libro più famoso, "Autobiografia di uno Yogi", che è diventato un classico nel suo settore fin dalla sua pubblicazione nel 1946. Successive numerose ristampe e la traduzione del libro in 19 lingue ne fanno un perenne best-seller che ha trasformato la vita di milioni di persone e che le ha avvicinate alle Filosofie indiane o alla spiritualità. Il libro è un classico spirituale, utilizzato come testo di riferimento in collegi ed università nel mondo intero.
Paramahansa Yogananda fondò due associazioni senza carattere settario e senza scopo di guadagno: Self Realization Fellowship (SFR), in America e Yogoda Sat-Sanga (YSS), in India. Egli soleva dichiarare spesso che, attraverso l'opera di queste due organizzazioni, il messaggio di liberazione del Kriya Yoga sarebbe stato sparso in tutte le parti del mondo.

"Soltanto voi siete responsabili di voi stessi. Nessun altro deve rispondere delle vostre azioni, quando giunge il giorno del giudizio. Il vostro lavoro in questo mondo, nella sfera dove il vostro 'karma', la vostra stessa trascorsa attività, vi ha posti, può essere svolto soltanto da una persona: voi stessi. E la vostra attività può dirsi di aver avuto "successo" solo quando in qualche modo serve ai vostri simili."


Kriya Yoga, la via alla realizzazione del Sè.

Per aiutarci a "migliorare la nostra conoscenza" di questo Sé più alto, Yogananda ha insegnato pratiche spirituali che sono facilmente accessibili ai ricercatori occidentali. Persone di ogni età, religione e livello culturale possono utilizzare queste tecniche estremamente pratiche e basate su principi scientifici, ugualmente permeate di devozione e saggezza. Esse ci consentono di creare un equilibrio armonioso tra l'aspetto fisico, mentale, emozionale e spirituale della nostra natura e di infondere questo equilibrio in tutte le attività della nostra vita.

"La realizzazione del Sé è il messaggio eterno della religione. Qualunque siano il tuo credo e le tue pratiche, lo scopo essenziale della religione è di aiutarti a realizzare il tuo più alto potenziale, come figlio di Dio... La tua religione non è il vestito che indossi esteriormente, ma l'abito di Luce che intessi intorno al tuo cuore".

I suoi seguaci ritengono che il più grande lascito di Swami Yogananda sia stato il Kriya Yoga, una tecnica particolare di pranayama dinamico, ricevuto dal suo Maestro Sri Yukteswar che si sostiene favorisca il cammino interiore. Il Kriya Yoga è una tecnica avanzata per l’evoluzione spirituale, che viene a noi dalle più alte epoche di evoluzione spirituale. Fa parte della antica scienza del Raja Yoga ed è spesso citato da Patanjali nei suoi Yoga Sutra e da Krishna nella Bhagavad-Gita.
La conoscenza del Kriya fu oscurata durante l’età buia del materialismo, conosciuta in India come Kali Yuga. Fu riportata in vita dall’immortale maestro indiano Babaji ed elaborata dal suo discepolo Lahiri Mahasaya che ha articolato i principi del Kriya in una serie specifica di pratiche di meditazione e di pranayama. Lahiri Mahasaya ha insegnato la sua scienza a migliaia di discepoli, la maggior parte dei quali come lui avevano responsabilità di famiglia e mantenevano i propri impegni nel mondo praticando allo stesso tempo il Kriya.

"Sii esigente con te stesso,
ma sii comprensivo quando esigi dagli altri"
tao

Albo Operatori
Albo Operatori Reiki e Cristalloterapia.

 

Corso Meditazione
Le tecniche dinamiche e statiche per eliminare tensioni e stress.

Certificazioni Reiki

 

Iter Formativo

 

Reiki Professionale

 

Il Reiki

 

Il Reiki di Mikao Usui nella sua profonda essenza tra la tradizione Giapponese e quella Occidentale, con alkaemia®.

 

Reiki entra in Ospedale in Italia

Primo Livello Reiki
SHODEN

Secondo Livello Reiki
OKUDEN

Terzo Livello Reiki
SHIHAN

Maestrato Reiki
SHINPIDEN

Tecniche Reiki Originali Giapponesi

 

Pratica Reiki

 

Reiki e Cristalli Maestri

 

Karuna Reiki Operatore

Karuna Reiki Master

 

Yoga

 

La disciplina che unisce il corpo e la mente in alkaemia.

 

Corso Yoga Integrale

Corso Yoga Sensible

Corso Slow Yoga

Corso YogaQi

Corso Yoga Light

Corso Yoga d'Estate

Corso Yoga Insegnanti

 

ilgiardinodeilibri
Libri Dvd e Cd musicali consegnati a casa.

corso di Arti Marziali
Scopri il corso di Arti Marziali Giapponesi presso alkaemia.

Sale Himalayano
Il sale non sbiancato e lavorato manualmente.
La Cristalloterapia
Introduzione al mondo dei cristalli.
Corso Cristalloterapia
La conoscenza del benessere attraverso l'uso dei cristalli
I gioielli dei Chakra
Per la nostra armonia interiore.

Reliquie del Buddha
Esposizione alle reliquie del Buddha.
Incontro con Sciamani
La conoscenza dei Wixarikà (Huichol) ad alkaemia
Perchè ci ammaliamo?
Il nostro Ki, i nostri pensieri ed il Karma.

La Cristalloterapia
Introduzione al mondo dei cristalli.
Corso Cristalloterapia
La conoscenza del benessere attraverso l'uso dei cristalli
I gioielli dei Chakra
Per la nostra armonia interiore.